1

L’accordo (1982/83)

L’ACCORDO PER IL RISANAMENTO DI SAN DONNINO

Nel dicembre 1982, dopo circa un anno di trattative, il comitato e le amministrazioni sottoscrivono il Protocollo di accordo per il risanamento di San Donnino che nell’aprile e maggio del 1983 viene approvato dal Consiglio Comunale di Campi Bisenzio, dal Comune di Firenze e dal Consorzio Schema 23.

Delimitato nel preambolo il permanere del disaccordo sulla pericolosità dell’inceneritore rispetto al quale il comitato ribadisce la pericolosità e la esigenza della sua chiusura, il protocollo stabilisce la nomina di un comitato tecnico scientifico per accertare la pericolosità dell’impianto e fornire elementi per decidere il suo destino; l’interruzione dello scarico delle scorie nelle cave adiacenti; l’impegno a risanare tute le cave della zona e a destinare le aree a verde pubblico; l’impegno a istituire la raccolta differenziata dei rifiuti e a costruire in tempi certi un impianto di riciclaggio; garanzia per il funzionamento del digestore.

Come previsto dall’accordo, viene nominato un Comitato di Gestione e un Comitato di Garanti per l’attuazione dell’accordo, ma, nonostante ripetute sollecitazioni, l’Asnu nega la volontà di sottoscrivere il protocollo di accordo, e afferma che l’inceneritore non è pericoloso ma anzi è tra i più sicuri d’Italia .

Documenti correlati:
Volantino esito trattative 11 febbraio Sollecito a sindaci per accordo 24 febbraio
La Nazione febbraio s.d. L’Unità del 1° marzo
Nota Assessore Tasselli del 2 marzo Schema 23 Nota ai Sindaci
Sollecito firma accordo del 25 marzo Articoli vari del 26 maggio
Comunicato stampa Comitato del 27 maggio Nota Comitato del 27 luglio. ASNU non firma
Nota a P.G.R.T. del 31 agosto La Nazione del 21 ottobre
Nota dell’ASNU del 9 dicembre La Città del 21 dicembre
La Nazione del 28 dicembre L’Unità del 31 dicembre
La Nazione del 31 dicembre La Città del 31 dicembre
Nazione : ASNU decisa migliorare inceneritore

 

«Precedente | Successiva»